Sport-Invernali.com
Home page ||||||||
Registrati alla newsletter "Last minute" Registrati alla newsletter informativa
Guida delle stazioni
Top 10 delle Stazioni
Alta Badia

Bormio

Courmayeur

Gressoney la Trinité

La Thuile

Livigno

Madonna di Campiglio

Sestriere

Val Gardena (Gröden)

Val Thorens

Affitti montagna e sci
Ricerca rapida
Destina
zione
  Regione, Stazione, ...

Astuzia: Si possono scrivere anche solo le lettere iniziali del nome ricercato.
Periodo dal (gg/mm/aaaa)
al (gg/mm/aaaa)
Tipologia
Numero di persone
Ai piedi delle piste da sci
Camino
Vasca idromassaggio
Ricerca avanzata

Offerte affitti montagna

Tutte le case vacanza


La vostra casa vacanze meno cara, in diretta con i privati
Meteo
Bollettini neve
Ski Test
Lo Ski Test ProSkiLab™ 2018

Tutti gli sci Uomo

Slalom

Performance Pista

Pista Gran Turismo uomo

Pista Evolution uomo

Gigante

All Mountain 70/30

All Mountain 50/50

Tutti gli sci Donna

Pista Gran Turismo donna

Tutti gli sci per marchio

Head

Elan

Rossignol

Dynastar

Nordica

Völk

K2

Stöckli

Zag

Scott

Black Crows

Vedere tutti gli ski test

Forum
Altri forum su skiforum.it
News sciare
Forum degli sciatori italiani
Forum attrezzatura, scelta e manutenzione
Mondo telemark
Reportage
Cortina d'Ampezzo
Tendenze skiwear 2011 -12
Freestyle
Tutti i reportage
Monginevro
Stazioni eco-sostenibili
L'igloo alloggio insolito
Lo sci alpinismo
Nuove discipline di discesa
Soccorritori alpini
La gestione della neve
L'Alpe d'Huez
Primi passi
Verbier
Skicross
Dietro le quinte di una stazione
Kozuf - Macedonia
La Grave - La Meije
I formaggi delle Alpi
Ischgl
Val Gardena
Caucaso
Chamonix
Eliski in Turchia
Lake Louise
Les Arcs 2000
Les Contamines Montjoie
Val d'Isère
Vallée Blanche
Lo zaino ABS
Sci Avventura
Lo sci in tutto il mondo
Eliski
Lezioni sci
Tutti i corsi
Tecniche di base
Le risalite
La postura di base
La curva breve
La curva condotta
Sciare in parallelo
Sciare con le gobbe
Sciare sulla neve ghiacciata
Sciare sulla neve polverosa
Lo scodinzolio
Lo stem
L'inversione di spigolo
Lo spazzaneve
La derapata
L'attraversamento
Materiale
Consigli abbigliamento
Consigli attrezzatura
Consigli
Sicurezza in montagna
Valanghe
Directory
Tutti i siti della directory
Affitto e vendita materiale
Fauna e flora
Foto di montagna
Guide alpine
Heliski
Maestri di sci
Sci club
Scuola di sci
Sport invernali
Stazione sciistica
Via Ferrata
Extra
Glossario sci snowboard
Sfondi per desktop

Lo stile sulle piste

Nuove tendenze skiwear 2011 - 2012

Sport-Invernali ha scovato le nuove tendenze skiwear della stagione 2011/2012. Largo allo stile!
Tutte le esigenze saranno soddisfatte quest'inverno. Le collezioni skiwear hanno raggiunto il più alto livello di efficacia tecnica, soddisfando tutti i gusti in termini di varietà. Audacia, fantasia, niente viene messo da parte nella ricerca dello stile. Sarà poi compito degli sciatori personalizzare il proprio look grazie alle forme, i materiali e i colori messi a disposizione. I tempi delle tute identiche sulle piste sono passati, spazio alla varietà sulle piste.
Inverno multicolore!
Preparatevi ad un'esplosione di colori per risvegliare quest'inverno. I marchi si scatenano e associano senza indugi i colori più impensabili: rosso e viola, arancione e verde limone, melanzana e verde fosforescente, rosa e giallo canarino. Il marchio Norrona fu uno dei primi a creare capi con questi abbinamenti e ha trovato in seguito numerosi seguaci...
La tendenza gioca con il contrasto tra toni luminosi, spaiando la giacca con i pantaloni, inserendo cerniere colorate che risaltano sul colore di fondo. Se la tinta unita è fuori moda, il multicolore è sempre più attuale. In versione color block con dei disegni asimmetrici sarà ancora meglio. In principio usata dai freestyler, questa tendenza si è diffusa in tutti i tipi di skiwear.
I marchi puntano sulla trasversalità dei colori, tutti i toni di una linea sono assortiti gli uni con gli altri; queste novità sono accolte con entusiasmo dai commercianti!
La cerniera in mostra
Sciatrici e sciatori, la star dell'inverno è la cerniera lampo! Lo zip non è più una semplice cerniera, ma 'veste' le vostre tenute da sci. Lo zip incolore lascia il posto allo zip Riri, colorato e con una grossa cerniera ben in vista, tipico delle tute per il freeski. La cerniera in metallo orna le giacche più chic o rock'n'roll.

Dal lato tecnico, l'innovazione dell'anno è della marca YKK con il concetto Ultra Light Zipper: i denti della cerniera lampo sono direttamente integrati al tessuto Gore-Tex senza bisogno di cuciture grazie ad un nastro PU que assicura aderenza e impermeabilità. Questo zip associa leggerezza e flessibilità e si adatta alle tenute tecniche e leggere per la montagna e le escursioni. Troverete l'articolo presso Millet, Norrona e Haglöfs.
Firmato North Face
Quando la montagna scende in città: il crossover guadagna terreno
I produttori creano un abbigliamento tecnico, concepito innanzitutto per la montagna ma all'altezza anche a valle: lo skiwear versatile da indossare sulle piste e in città fa parte delle tendenze della stagione.

Versione "my tailor is rich" con giacche disegnate come abiti eleganti, marca Orage, righe discrete, pied de poule, flanella per la collezione 1907 di Rossignol o Look, nuova arrivata...

Versione workwear stile Carhartt. Lo stile tenuta da lavoro fa tendenza proponendo camicie a quadri, piumini senza maniche con spalline in pelle, pantaloni stile canapa. Il tutto nei toni del beige, marrone e verde bottiglia. Proposto da Analog, Orage, O’Neill, Holden et Peak Performance con la collezione per il freeski firmata Henrik Windstedt.
Silhouette Castelbajac... wild spirit!
Versione street: la giacca tipo bomber resta un must. Gli adolescenti la adorano e potranno portarla per andare a scuola e per scatenarsi negli snowpark. Proposto da DC, O’Neill, Orage, Oakley, B. Snowboards, Analog...

Versione outdoor con giacca multiuso per lo sci, la città, le escursioni e le passeggiate in bici... Di questi tempi è sempre utile possedere un capo unico. Proposto da Salewa, The North Face, Mammut, Haglöfs, Scott, Patagonia, Bergans of Norway...
Le stravaganze del Denim: l'it-pant dell'inverno
Per proseguire con la tendenza degli abiti versatili presi in prestito dallo stile urban, impossibile non commentare la comparsa del denim. I pantaloni per lo sci traspiranti potrebbero farvi indugiare talmente assomigliano a dei veri jeans. La marca Bogner propone ad esempio un perfetto trompe-l’œil grazie alla stampa della foto di un jean su un tessuto in poliestere e stretch. Lo stesso pantalone in stile denim lo troverete presso Oakley, B. Snowboards, L1ta, L1, Capp3l, Holden, 886...
Incredibile no?
La buona "impressione"
Il tessuto impresso l'abbiamo già visto in tutte le salse, forse un po' troppe! Ma quest'inverno torna alla carica sotto forme diverse. Lo ritroviamo all-over, centrato o in patchwork asimmetrici. I motivi grafici sono spesso oversize come quelli proposti da Oxbow o surrealisti come quelli di Roxy e Quiksilver.

I quadri sono sempre i vincitori e si declinano in diverse versioni: plaid, pixel, scacchi, piccoli e grandi...
Le righe sembrano immutabili e riescono sempre a conquistare i produttori.
Per le donne i pois si scatenano.
Per le signore che amano la pelliccia ma che non vogliono scatenare le ire degli animalisti, è arrivato un tessuto rivoluzionario e realista creato da Hyperbola: un trompe-l’œil con un fotomontaggio di una pelliccia di coniglio della Siberia stampato su 3 strati (proposto da Peak Performance). Per gli uomini Hyperbola propone una stampa "mattoni" molto street. Il photoprint star dell'inverno 2012/13?
Sempre di tendenza i motivi a quadri, Protest
Spirito di competizione vs. retro chic
I fan del carving saranno soddisfatti del ritorno della tendenza racing. Alcuni marchi come Rossignol per la collezione World Cup, ma anche Vuarnet o Icepeak interpretano i codici degli sport meccanici e attingono all'universo agonistico degli anni 50-70 con delle tenute in netto contrasto: scritte, patchs, pipings e colori vivi per un look classico ma aggressivo. Un contro piede per lo stile chic, semplice e un po' vintage. Quest'ultimo attraversa le stagioni e lo ritroviamo quindi anche quest'anno. Un inno all'eleganza con delle forme scolpite con giacche su misura, cinture e fuseaux per le donne, proposto da Henri Duvillard per Degré 7, Fusalp, Rossignol 1907, Vuarnet... Alcuni marchi scelgono il glamour inserendo dei dettagli prêt-à-porter su dei capi tecnici. Jean-Charles de Castelbajac è l'incontestabile maestro di quest'arte con la collezione che firma da 11 anni in co-branding con Rossignol. Quando lo sci si mescola con la haute couture, si utilizza il cuoio, la pelliccia, tulle, strass Swaroski, lurex e tessuti lucidi.
Total look Rossignol
Respiriamo!
Quest'inverno l'innovazione supera quella dell'arrivo di Gore-Tex e dei primi capi tecnici traspiranti: l'iper respirabilità fa la sua entrata con delle membrane due volte più respiranti (40 000 m2/g/24h) rispetto a quelle standard a 20 000m2/g/24h. Non meno di tre produttori hanno puntato sull'alta respirabilità per il comfort di escursionisti e sciatori che sudano mille camicie. L'inventore della membrana microporosa, Gore, propone il nuovo Gore-Tex® Active Shell già utilizzato da una quindicina di marchi tra cui Millet, Haglöfs, Norrona, The North Face, Peak Performance, Mountain Equipment. Polartech, inventore americano del pile, propone Neoshell, primo soft shell impermeabile che resiste alla pressione di una colonna d'acqua di 10 000 schmerbers. La soft shell è rinomata per l'elevata respirabilità, ma fino ad ora non lo era per le sue capacità impermeabili. Per finire, troviamo il giapponese Toray con Dermizax NX, un materiale due volte più respirante, scelto da Bergans of Norway e Kjus.
Active Shell 3 strati Gore-Tex®, Millet
Caldo caldo!
Agli antipodi della transpirabilità, l'altra tendenza che si afferma è il piumino. In piuma d'oca o anatra, lucido o opaco, è un vero e proprio bozzolo, niente di meglio per coloro che cercano un po' di calore. Il piumino "light" è molto in voga: a piccoli riquadri, facile da compattare e infilare nello zaino, si indossa come secondo strato, sotto la giacca traspirante. Da Patagonia a Millet, The North Face, tutti i marchi si concentrano sul prodotto. Novità: le cuciture con taping e il piumino che non sembra tale perchè le imbottiture sono all'interno, proposto da Helly Hansen!
Per restare al caldo, i produttori ricorrono sempre più regolarmente ad isolanti sintetici tipo ovatta Primaloft o Thinsulate che possiedono un'eccellente proprietà isolate e si asciugano più velocemente rispetto al piumino. I più freddolosi potranno procurarsi la nuova giacca Columbia dotata della tecnologia Omni-heat Electric, con mini riscaldamento elettrico integrato nell'imbottitura (tecnologia utilizzata anche su guanti e scarpe).
Piumino Rossignol
Sciare per il futuro: lo sviluppo dell'eco-concezione
Patagonia apre la strada dell'eco-concezione nel 1996 con l'utilizzo del cotone organico. Da allora la regina dell'eco-friendly ha fatto enormi progressi lanciando sul mercato i pile e i tessuti tecnici in poliestere riciclato dalle bottiglie di plastica. Il poliestere, il nylon e la poliammide sono delle fibre sintetiche ricavate dal petrolio grezzo, risorsa non rinnovabile. Diventava un'urgenza quindi poter riciclare tali fibre sintetiche, ciò che si è fatto conil poliestere e che siinizia a fare con la poliammide...
Oltre a Patagonia, tra i bravi seguaci dell'eco-concezione, troviamo Picture che utilizza gli scarti dei tessuti per le fodere delle giacche, Quiksilver su una linea di prodotti e Oakley.
Membrana Bioceramic, Picture
Ad ognuno il suo fit (taglio)
L'articolo non sarebbe completo senza citare il fit. Quest'inverno tutti gli stili sono autorizzati, l'eclettismo regna in materia di fit! La maggior parte dei marchi propongono almeno 5 fit per i loro pantaloni: loose, regular, slim, carrot, skinny...
Silhouette oversize per i freestyler che indossano giacche lunghe, t-shirt ancora più lunghe che escono dalla giacca e pantaloni XL a vita bassa, bassissima anzi! I freestyler potranno anche scegliere una silhouette slim e sobria con dei pantaloni stretti ma non attillati o un taglio "carrot" con il cavallo basso che si restringe all'altezza delle ginocchia. I freerider opteranno per il fit loose, i carver per il regular, non troppo larga né troppo stretta. Il pezzo unico (ben più moderno di un completo!) è decisamente pratico per gli amatori della powder. Collezione donna, le giacche con cintura sfilano sulle piste, come i fuseaux che scolpiscono le forme.
Cool attitude, Protest
Sport-Invernali.com vi propone, per completare l'articolo, qualche consiglio sur l'abbigliamento per lo sci.
Testi e foto: Sandra Stavo-Debauge
©2003-2017 AKENA Technologies - Tutti i diritti riservati Info società | Contatti