Sport-Invernali.com
Home page ||||||||
Registrati alla newsletter "Last minute" Registrati alla newsletter informativa
Guida delle stazioni
Top 10 delle Stazioni
Alta Badia

Bormio

Courmayeur

Gressoney la Trinité

La Thuile

Livigno

Madonna di Campiglio

Sestriere

Val Gardena (Gröden)

Val Thorens

Affitti montagna e sci
Ricerca rapida
Destina
zione
  Regione, Stazione, ...

Astuzia: Si possono scrivere anche solo le lettere iniziali del nome ricercato.
Periodo dal (gg/mm/aaaa)
al (gg/mm/aaaa)
Tipologia
Numero di persone
Ai piedi delle piste da sci
Camino
Vasca idromassaggio
Ricerca avanzata

Offerte affitti montagna

Tutte le case vacanza


La vostra casa vacanze meno cara, in diretta con i privati
Meteo
Bollettini neve
Ski Test
Lo Ski Test ProSkiLab™ 2017

Tutti gli sci Uomo

Slalom

Performance Pista

Pista Gran Turismo uomo

Pista Evolution uomo

Gigante

All Mountain 70/30

All Mountain 50/50

All Mountain 30/70

Tutti gli sci Donna

Pista Gran Turismo donna

Pista Evolution donna

Tutti gli sci per marchio

Fischer

Dynastar

Rossignol

Völk

Elan

Stöckli

Blizzard

Nordica

Head

Scott

Zag

Black Crows

Vedere tutti gli ski test

Forum
Altri forum su skiforum.it
News sciare
Forum degli sciatori italiani
Forum attrezzatura, scelta e manutenzione
Mondo telemark
Reportage
Cortina d'Ampezzo
Tendenze skiwear 2011 -12
Freestyle
Tutti i reportage
Monginevro
Stazioni eco-sostenibili
L'igloo alloggio insolito
Lo sci alpinismo
Nuove discipline di discesa
Soccorritori alpini
La gestione della neve
L'Alpe d'Huez
Primi passi
Verbier
Skicross
Dietro le quinte di una stazione
Kozuf - Macedonia
La Grave - La Meije
I formaggi delle Alpi
Ischgl
Val Gardena
Caucaso
Chamonix
Eliski in Turchia
Lake Louise
Les Arcs 2000
Les Contamines Montjoie
Val d'Isère
Vallée Blanche
Lo zaino ABS
Sci Avventura
Lo sci in tutto il mondo
Eliski
Lezioni sci
Tutti i corsi
Tecniche di base
Le risalite
La postura di base
La curva breve
La curva condotta
Sciare in parallelo
Sciare con le gobbe
Sciare sulla neve ghiacciata
Sciare sulla neve polverosa
Lo scodinzolio
Lo stem
L'inversione di spigolo
Lo spazzaneve
La derapata
L'attraversamento
Materiale
Consigli abbigliamento
Consigli attrezzatura
Consigli
Sicurezza in montagna
Valanghe
Directory
Tutti i siti della directory
Affitto e vendita materiale
Fauna e flora
Foto di montagna
Guide alpine
Heliski
Maestri di sci
Sci club
Scuola di sci
Sport invernali
Stazione sciistica
Via Ferrata
Extra
Glossario sci snowboard
Sfondi per desktop

L'igloo, dormiamo tra i ghiacci...

L'igloo per una notte insolita

DORMIRE TRA I GHIACCI: LA GRANDE TENDENZA DEGLI ALLOGGI INVERNALI
Gli Inuit iniziano ad abbandonarli e noi ce ne riappropriamo, l'igloo spunta sulle nostre montagne. Fenomeno alla moda, che riflette la noia per un turismo programmato tra impianti di risalita e piccoli monolocali, la crisi dello sci « meccanizzato », le vacanze invernali cercano una ventata di novità. La buona notizia? Non è più necessario trascorrere un anno tra i ghiacci per dire di aver dormito in un igloo. Un tempo erano i ripari di fortuna degli Inuit del grande nord canadese, e oggi benché siano ancora diffusi in alcune latitudini tra i ghiacci, hanno perso la loro funzione strettamente di necessità e sono più che altro messi in mostra dinanzi ai turisti in ammirazione.
L'igloo, tecnicamente parlando
Gli abitanti del grande nord scoprirono rapidamente le proprietà isolanti, sul piano fonico e termico, della neve. Per costruire un igloo non si utilizzano tutti i tipi di neve. Si deve usare quella a grani sottili, una neve i cui cristalli sono stati erosi dal vento e non più dendritici. I dendriti (dal greco dendròn: albero) delineano le ramificazioni del fiocco dandogli la sua forma particolare e a noi familiare. Unendo tutti i dendriti, i cristalli formano la neve fresca, la powder, con la quale non ci verrebbe in mente di costruire un igloo! Solamente la neve costituita da grani sottili potrà essere abbastanza compatta per essere levigata e tagliata.
Il foro scavato per estrarre i blocchi servirà per fare la parte inferiore dell'igloo. I blocchi misurano circa un metro di lunghezza per 40 cm di altezza e 20 cm di spessore. La struttura si costruisce generalmente a spirale facendo attenzione a situare l'entrata molto in basso per proteggersi dal vento. Alcuni costruiscono addirittura un piccolo tunnel. È necessario ovviamente prevedere un'aerazione per evitare che l'anidride carbonica prodotta possa provocare malori o mal di testa. Riscaldandosi con il grasso di balena o di foca, gli Inuit riuscivano ad ottenere una temperatura vicino allo zero quando fuori era a -40°! Oggi una semplice candela fa miracoli.

La costruzione di un igloo richiede una certa capacità. Non aspettate di essere sorpresi da una tempesta di neve ghiacciata per lanciarvi all'avventura! E senza pala e coltello, meglio non cominciare...
Frescamente accogliente
Quando mancano le pelli di animali, decisamente efficaci in un igloo, meglio essere ben equipaggiati per trascorrere una notte serena e divertente. È richiesto un buon piumino, ma non necessariamente in piuma d'oca come quelli previsti nell'Antartico o sull'Everest: non riuscireste a dormire, avrete troppo caldo. La temperatura in un igloo ben costruito potrà anche superare i 2 gradi a notte fonda.

Gli igloo di montagna sono pensati per accogliere 6 persone. Se alcuni sono costruiti secondo la pura tradizione Inuit, altri hanno quasi tutte le qualità di una camera d'hotel: comodi materassi, spessi tappeti sul suolo, calde e morbide trapunte. Alcuni villaggi di igloo sono persino dotati di sauna e jacuzzi. I pasti sono serviti direttamente nell'igloo.

Grazie all'eccezionale isolazione fonica potrete persino poltrire al mattino, ma sarebbe un peccato, visto che per una volta sarete i primi sulle piste, di fronte a montagne deserte prima della grande corsa agli impianti.
Dei rari momenti che solamente una notte in montagna può offrirvi.
Dove dormire in un igloo?
Parco Nazionale dei Monti Sibillini
In questa meravigliosa zona dell'Umbria, vicino a Norcia, costruirete voi stessi il vostro rifugio. Dopo un'escursione di qualche ora con le ciaspole, immersi nella natura del parco dei Monti Sibillini, potrete imparare e mettere in pratica le tecniche per realizzare una costruzione stabile per proteggersi dal freddo. Pernotterete così in un autentico igloo e potrete andare fieri del vostro lavoro!
Per saperne di più visitate il sito:
www.sibillinieskimo.it
Villaggio igloo in Friuli Venezia Giulia
Se sognate invece un soggiorno più rilassante scegliete il villaggio igloo a Piancavallo in provincia di Pordenone. Un paesaggio da favola in mezzo alla neve, natura incontaminata da visitare sulle ciaspole, l’esperienza di una notte magica avvolto da morbide lane di pecora.

Sarete accompagnati da guide esperte fino a 1800m di altitudine per raggiungere il vostro alloggio dove gustare una tipica cena friulana a base di formaggi e vino.

I soggiorni sono organizzati dall'Accademia Alpina, per informazioni e prenotazioni visitate il loro sito:
www.accademiaalpina.it
E dai nostri vicini europei?
Sauze in Francia
Un piccolo tratto con la seggiovia da Dôme de l'Alpe ed eccovi arrivati nel villaggio di igloo di Sauze: atmosfera 100% in stile nordico e spedizione polare. Un ristorante di alta quota non lontano, vi permette di mangiare ad una temperatura superiore ai 5°, poi piumino sotto il ghiaccio e a nanna. Un evento speciale per San Valentino prevede una cena a lume di candela nell'igloo.

Nicolas THEVENET vi darà maggiori informazioni:
+33 (0)6 03 16 30 24 / +33 (0)4 92 81 29 97
Le 2 Alpes
Secondo la più pura tradizione inuit, venite a provare la notte a 5° a 1800m di altitudine negli igloo Kanata (4/6 persone) fabbricati in blocchi di neve. Si può accedere con gli sci o in seggiovia da Vallée Blanche, a piedi o con le ciaspole. Durante questa serata magica, potrete approfittare del solarium, del bar e assaggiare le specialità del territorio.
Il forfait comprende il pernottamento, la cena e il materiale per dormire.

Per informazioni: +33 (0)6 12 29 49 03.
Iglu-dorf raggruppa 7 villaggi di igloo in Svizzera (Gstaad, Klosters, Zermatt, Engelberg, St Moritz), Germania (Garmisch-Partenkirchen) e Andorra (Grandvalira). Tutto è a disposizione per una serata indimenticabile. Potrete scegliere tra l'igloo standard, la suite romantica o l'igloo per famiglie. Jacuzzi personale a disposizione in alcuni tipi!
Il villaggio ad Andorra vi offre un'escursione con i cani da slitta o motoslitta. A Engelberg, sposatevi nella cappella di ghiaccio, organizzate una festa memorabile in una disco-igloo, bevete un drink a l'igloo-bar... e una buona notte « natürlich! ». Al mattino, imbacuccati in una pelle di pecora, fate colazione sotto le sculture di ghiaccio costruite dagli Inuit di Yellowknife (territorio del nord-est del Canada).
Una visita virtuale è disponibile su www.iglu-dorf.com
In Lapponia, nel castello di ghiaccio di Kemi, non è solo la scusa di una notte fuori dal comune che attira, è anche il piacere di andare al ristorante, di passare una notte in hotel, di festeggiare il compleanno di un bambino e scivolare sugli scivoli di ghiaccio, un luogo atipico e indimenticabile per matrimoni e battesimi, organizzare una serata e perché no anche una riunione di lavoro? Tra effetti di luci e sculture di ghiaccio non potremmo che restare incantati.
www.snowcastle.net

Sempre in Lapponia, il villaggio Kakslauttanen è il più grande villaggio di igloo al mondo. Qui, oltre ad una notte « al fresco », potrete mangiare comodamente seduiti a tavola, visitare la galleria d'arte di ghiaccio, fare della motoslitta, una passeggiata su una slitta trainata da cani o renne e persino pescare.
È qui che una notte sotto le stelle prende una dimensione reale. Infatti, l'alternativa all'igloo di neve è quello di vetro per la notte più stellata della vostra vita!
www.kakslauttanen.fi
Foto: Iglu Dorf e Ente per il Turismo di Orcières Merlette
©2003-2017 AKENA Technologies - Tutti i diritti riservati Info società | Contatti